Ginevra Grasso

Augusto

Augusto Traverso (De Andrè)

Un fratello che non si dimentica,
mentre di te si son scordati.
Dita ingiallite dal vizio
e la terza risata più bella del mondo.
In tasca avevi 71 centesimi e un pacchetto di sigarette che hai diviso con la strada.
Il centesimo te lo avevo regalato io, per scoprire la tua sorte.
Lo hai conservato come la numero 1 di zio Paperone.
Col resto ci hai comprato un sacchetto di gemme.
Con cui mi hai reso infinitamente ricca.

IMG_1245.jpgIMG_1252.JPGIMG_1241.JPGIMG_1242.JPGIMG_1262.JPGIMG_1253.JPGIMG_1231.JPGIMG_1270.JPG

fiori(ta)

Ci sono domeniche insolite e limpide, fatte di amici, strade tortuose e mani fuori dal finestrino ad afferrare le nuvole.
Giorni in cui ti senti fortunato, perché puoi tornare a casa con qualche lenticchia sulle gote e gli occhi colmi di colori, come dopo aver contemplato un quadro impressionista.





IMG_5723.jpgIMG_5767.jpgIMG_5871b.jpgIMG_5793.jpgIMG_5889.jpgIMG_5885.jpgIMG_5818.jpg

search
pages
Share
Link
https://www.ginevragrasso.it/diario-d
CLOSE
loading